Elenco consulenti finanziari: guarda come ho scelto

Indice

Stai cercando l’elenco dei consulenti finanziari in Italia?

Sei nel posto giusto.

Ti darò anche delle istruzioni operative su come scegliere il tuo consulente finanziario. 

Questo è un articolo veloce e pratico.

Cominciamo.

Elenco consulenti finanziari: dove trovarlo

Risolviamo subito il problema.

L’elenco dei consulenti finanziari in Italia è tenuto sul sito dell’ OCF. OCF è l’Organismo di vigilanza e tenuta dell’albo unico dei consulenti finanziari.

Ecco la pagina ufficiale dove puoi trovare l’elenco che stai cercando:

 

Ora che hai trovato il tuo elenco compare il primo quesito: perché ci sono tre elenchi?

elenco consulenti finanziari

Il motivo è questo: l’albo è unico, ma ci sono al suo interno 3 sezioni ben distinte:

  1. Consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede
  2. Consulenti finanziari autonomi (conosciuti anche come indipendenti)
  3. Società di consulenza finanziaria

Elenco consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede

Schiaccia sul pulsante e scarica l’elenco di questa categoria di consulenti finanziari:

elenco consulenti finanziari abilitati all'offerta fuori sede

Chi è il Consulente Finanziario abilitato all’offerta fuori sede?

Fino al 2015 era chiamato promotore finanziario.

La ridenominazione in consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede è stata introdotta dall’articolo 1, comma 39, legge 28 dicembre 2015, n.208.

Cosa fa?

È una persona che si occupa della vendita (nel gergo si dice collocamento) di prodotti finanziari e servizi di investimento per conto di qualcuno.

Si tratta di 

  • un dipendente
  • o un agente 
  • oppure di un mandatario 

 

di una banca, oppure di una SIM o di una SGR.

Per esempio, può essere un Consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede un agente di una banca, iscritto all’albo OCF nell’apposita sezione, che 

  • vende i prodotti bancari al pubblico
  • promuove i servizi di finanziamento della banca per cui lavora
  • colloca contratti per la prestazione di servizi di pagamento della banca per cui lavora



Se vuoi un approfondimento, leggi l’Art.31, comma 2 del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n.58 del testo Unico della Finanza (TUF).

Elenco consulenti finanziari indipendenti (autonomi)

Stessa operazione per il secondo elenco dei consulenti finanziari:

elenco consulenti finanziari indipendenti

Quella autonoma è una branca abbastanza nuova nel mondo della consulenza finanziaria. Esistono in forma ufficiale dal 2018, anche se operavano già in precedenza.

Il consulente finanziario autonomo non lavora per nessuno, se non per i suoi clienti.

Non riceve un mandato da nessun soggetto, e non colloca prodotti.

La consulenza è personalizzata e nell’esclusivo interesse del cliente. Il consulente autonomo guadagna infatti solo tramite una parcella emessa direttamente verso il suo cliente. Proprio come farebbe un avvocato o un commercialista.

Essendo pagato solo dal cliente, non ha nessun incentivo a promuovere un prodotto piuttosto che un altro. Per questo viene anche chiamato consulente fee-only.

Il consulente autonomo non guadagna dalla vendita di prodotti, come il consulente fuori sede, semplicemente perchè non ne vende.

In effetti, è l’unica vera figura libera da qualsiasi conflitto di interesse. 

Ovviamente, valuta bene l’impatto della parcella sul totale dei soldi che vuoi investire.

Elenco società di consulenza finanziaria

Ultimo elenco.

 Le società di consulenza finanziaria (SCF):

Anche le SCF sono abbastanza nuove, e nascono insieme ai consulenti finanziari autonomi.

All’interno delle SCF operano infatti solo consulenti di questo tipo.

Le SCF esistono in due forme: Le S.p.A. o le S.r.l.

Il principio cardine di queste società è lo stesso degli autonomi: l’indipendenza.

Che significa?

Vuol dire che, proprio come gli autonomi, per legge non possono ricevere compensi da nessun emittente o intermediario finanziario. Questo vale:

  • per i soci
  • e per i titolari di funzioni di amministrazione e di direzione

Come scegli il tuo consulente finanziario?

Ora veniamo al lato operativo.

Come scegli dall’elenco dei consulenti finanziari?

Ti riporto la mia esperienza, che è stata:

  • sia con un consulente abilitato all’offerta fuori sede
  • cia con un consulente finanziario autonomo

 

Probabilmente hai già avuto a che fare con i primi e molto meno con i secondi.

Partiamo dal presupposto che entrambe le figure cercano, nell’ambito delle loro possibilità, di servire al meglio il cliente.

Secondo la mia esperienza – ma non credermi sulla parola, fai le tue ricerche – il nocciolo della questione sta in queste parole: 

“nell’ambito delle loro possibilità”.

Vediamo pro e contro di entrambe le figure.

Come scegliere il Consulente abilitato all’offerta fuori sede

I Consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede sono pagati da un soggetto. Devono collocare i suoi prodotti.

Il Consulente cercherà quindi di consigliare il miglior servizio/prodotto finanziario per il suo cliente all’interno dei prodotti che può offrirgli: cioè quelli per cui ha il mandato di vendita. 

Il Consulente potrà quindi offrire solo i prodotti dell’emittente da cui riceve l’incarico. 

Inoltre, siccome il suo guadagno dipende dalle vendite che esegue, il Consulente ha un compito arduo: 

  • da un lato deve offrire il miglior prodotto/servizio possibile al cliente
  • e dall’altro deve garantirsi lo stipendio

 

Ecco che quindi nasce un potenziale conflitto di interesse: cosa metterà al primo posto quando deve dare un consiglio?

Ecco quindi i limiti di questo approccio:

  • Tipologia di consulenza orientata alla vendita
  • I prodotti collocati sono generalmente costosi 
  • Potenziale conflitto di interessi con i propri clienti
  • Potenziale gamma di prodotti collocabili troppo ristretta

 

Questi sono limiti strutturali di questo tipo di consulenza.

Questo non significa però che non esistano buoni Consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede.

Nella mia vita ho avuto a che fare più con un venditore che con un vero Consulente. Questo è il rischio maggiore da cui devi proteggerti.

Ecco quindi i miei consigli, se sei orientato su questa figura:

  • Seleziona e ascolta più di un Consulente
  • Scegli Consulenti tecnicamente preparati
  • Preferisci i Consulenti che espongono chiaramente i costi dei prodotti 
  • Preferisci i Consulenti più orientati in generale al tuo interesse che non alla sola vendita
  • Scegli Consulenti che spiegano bene le caratteristiche dei prodotti, e assicurati di comprenderle
  • Prediligi prodotti a basso costo, facili da capire, di emittenti molto grandi e che esistono da tempo

Come scegliere il Consulente finanziario autonomo

Il Consulente autonomo elimina il problema del conflitto di interessi con i propri clienti.

Il rapporto Cliente-Consulente quindi si basa su una reale fiducia

Sei tu a pagarlo, e soltanto tu. Lavorerà nel tuo esclusivo interesse. 

Stai ingaggiando un professionista per farti dare consigli sul denaro e sugli investimenti. Proprio come recluteresti un avvocato per farti tirar fuori dai guai. 

Il Consulente autonomo ti potrà consigliare tutto l’universo investibile, non ha nessun limite. Non essendo legato a nessuna banca, SIM o SGR, il panorama in cui può muoversi è il più vasto possibile.

Questo per te è un vantaggio: potrai prendere in considerazione moltissime opzioni.

In genere, il costo della parcella non dovrebbe superare lo 0,7% del patrimonio sotto consulenza.

Non sono bruscolini: se il capitale sotto consulenza è di 50.000 euro, pagherai una parcella di 350 euro all’anno per il servizio.

Devi chiederti se ha senso, anche se è comunque molto meno di quanto pagheresti con i classici servizi di consulenza inclusi nei costi dei prodotti.

Anche qui, ecco i miei consigli pratici per sceglierne uno:

  • Confronta le proposte di più Consulenti autonomi
  • Seleziona Consulenti tecnicamente preparati
  • Privilegia i Consulenti che pongono i tuoi obiettivi di vita sopra ogni cosa
  • Privilegia Consulenti con soft skills molto sviluppate nella comunicazione e nell’empatia
  • Scegli i Consulenti che costano meno a parità di servizio offerto

 

In genere i Consulenti autonomi forniscono anche un servizio di formazione. Questo ti aiuterà a comprendere fino in fondo i consigli che riceverai. Potrà esserti d’aiuto anche per prendere decisioni in autonomia.

Io ho fatto proprio così. Mi sono rivolto a uno di loro per fare formazione. Per poi camminare con le mie gambe.

In genere, questi Consulenti lavorano con clienti che hanno un patrimonio investibile di centinaia di migliaia o milioni di euro.

In azione

Oggi hai visto dove trovare l’elenco dei consulenti finanziari in Italia.

Ho cercato di darti anche delle indicazioni pratiche per scegliere le figure che il mercato oggi propone.

Tu che dici? Hai mai avuto a che fare con una di queste figure?

Lasciami i tuoi pensieri nei commenti.

Ah.

Ti invito a iscriverti alla mia newsletter. Potrai farlo cliccando sul bottone qui sotto.

In cambio otterrai il pratico Foglio Excel per la gestione delle tue Spese Personali. È lo stesso che uso io. Lo lascio agli iscritti gratuitamente in cambio della loro fiducia nel mio blog.

Approfondimento:

 

A presto,

Francesco

Share:

Le tue finanze ti tolgono il sonno?

Conquista la sicurezza economica con il Metodo Re di Denari.

Iscriviti e scaricalo in regalo.

More Posts

Lazy Portfolios: 3 esempi pratici

I lazy portfolios sono una soluzione di investimento semplice.  Lazy portfolio significa letteralmente portafoglio pigro. Che vuol dire? Vuol dire che nascono per: investitori pazienti,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.